Quali sono le mansioni di un tirocinante?

Quali sono le mansioni di un tirocinante?

Quali sono le mansioni di un tirocinante? Una volta che il giovane ha fatto il proprio ingresso nella tua azienda, ti ritrovi a non sapere quali compiti affidargli. Un po’ perché non sai esattamente cosa sia già in grado di fare, un po’ per timore o mancanza di tempo, la presenza dello stagista inizia a creare qualche perplessità. 

Vediamo insieme quali mansioni può svolgere e cosa fare durante un tirocinio se ti trovi nella posizione di tutor. Senza addentrarci in casi specifici: ogni ambito, che sia un magazzino, un laboratorio, un’impresa a uno studio professionale, ha le sue specifiche mansioni ed è impossibile stabilire compiti validi per tutti. 

Quattro compiti di un tirocinante inserito in azienda

Il primo compito di un tirocinante: imparare

Il tuo tirocinante ha appena varcato la soglia dell’attività dove inizierà il suo periodo formativo, e tu pretendi che svolga già in autonomia le sue mansioni? No, non se ne parla. Deve imparare, e tu devi essere in grado di insegnarli.

Una cosa che devi sempre tenere presente, è che il tirocinante ha bisogno di imparare: se no, non sarebbe un tirocinante, e l’avresti assunto con un regolare contratto di lavoro.

Fornisci delle slide, fissa dei momenti periodici one-to-one con lui, e istituisci dei momenti di formazione dedicata in azienda: assicurati che abbia del materiale su cui scrivere e che i momenti in questione rispondano a tutti i possibili dubbi che potrebbero sorgere. La sua presenza è soprattutto funzionale all’apprendimento: questo non significa che sarà chiuso in una stanza a studiare, ma che dovrà comprendere chiaramente quali obiettivi deve raggiungere e cosa ci si aspetta da lui.

Il secondo compito di un tirocinante: ascoltare

Un compito importantissimo, per il tirocinio e per la sua vita professionale: ascoltare e recepire. Non dovrà ascoltare solo il tutor aziendale, ma tutte le voci con cui entra in contatto: la vita del tirocinante in azienda dovrà infatti comprendere la partecipazione a riunioni, incontri con partner e clienti, per immergere il giovane nell’azienda a 360 gradi. Ascoltando capirà le gerarchie, a chi rivolgersi e per che cosa.

Si tratta di ascolto attivo, interattivo, e l’obiettivo dovrà sempre essere instaurare un dialogo con lui! Immergere il tirocinante nell’autentica vita aziendale sarà formativo e utile per lui, ma anche per il tutor: potrà valutare ciò che il tirocinante ha appreso e come si relaziona in contesti sfidanti. 

Il terzo compito di un tirocinante: provare

Una volta formata la risorsa, è giunto il momento di affidargli dei task, da gestire in totale o parziale autonomia. Necessaria chiarezza sullo svolgimento e sulle tempistiche: non deve sentirsi sopraffatto. Puoi affidargli parte di una mansione in collaborazione con te o con un altro membro del team, o l’intero svolgimento del compito: l’unica cosa importante è sappia esattamente cosa fare e cosa ci aspetta da lui.

Il quarto compito di un tirocinante: capire dove ha sbagliato

Lo stagista sbaglierà, è inutile pensare che non accada. Soprattutto all’inizio, se non ha mai svolto un determinato compito o utilizzato un particolare gestionale, la probabilità di andare incontro a un piccolo o grande errore è molto alta.

Fissare con lui alcuni incontri periodici è indispensabile, per fornire un feedback e monitorare i progressi e le eventuali difficoltà. In ogni caso, non demoralizzarlo: è consapevole di aver sbagliato, l’importante è capire dove e come rimediare all’errore per fare in modo che non si ripeta.

Inserire un tirocinante in azienda? Un’opportunità da saper cogliere

Convertirai il suo contratto di tirocinio in assunzione? Se lo farai, avrai diritto a sgravi contributivi molto interessanti. Ma se, per motivi di organizzazione interna non sarà possibile, devi fare comunque in modo che l’esperienza sia stata altamente formativa per lui. 

Accogliere un tirocinante in azienda è utile anche all’azienda stessa: è possibile capire se le proprie strategie sono funzionali, e come il team si è interfacciato con una figura junior e inesperta. E a margine, uno stagista può portare una visione fresca nell’ambiente: ecco perché la presenza dei giovani in azienda è assolutamente da valorizzare!

Abbiamo voluto trattare l’argomento in modo un po’ anomalo, un po’ per stimolare la riflessione, un po’ perché non esistono mansioni standard che un tirocinante deve svolgere: questi sono i punti essenziali del suo percorso di stage, e i task andranno calibrati sulla sua specifica personalità, esperienza e attitudine. 

Da queste parti promuoviamo un approccio positivo e di formazione verso lo stage: ecco perché ti consigliamo di rivolgerti a noi per l’attivazione di stage e tirocinio! Dimentica tempi biblici e burocrazia infinita, noi vogliamo che la tua esperienza con il nuovo stagista inizi il prima possibile.


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!