Differenza tra tredicesima e quattordicesima

Differenza tra tredicesima e quattordicesima

La retribuzione del personale può apparire, per i datori di lavoro, come una jungla di pagamenti, buste paga, bonus ed extra. In questa sede proviamo ad offrire una liana a chi non sa cosa deve pagare, a chi, e con quale scadenza. E lo facciamo occupandoci di due voci fondamentali nell’ambito degli stipendi: tredicesima e quattordicesima!

Cosa sono la tredicesima e la quattordicesima?

La tredicesima e la quattordicesima sono due mensilità aggiuntive rispetto alla retribuzione base di un lavoratore (ogni datore di lavoro  è a conoscenza che questo costituisce solo una parte del reale costo aziendale del dipendente). Tredicesima e quattordicesima si configurano così come due modalità di sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti e dei pensionati. 

La tredicesima viene erogata al dipendente nel mese di Dicembre, proprio in occasione delle festività natalizie. Una curiosità storica: il 5 agosto del 1937, la tredicesima fu resa obbligatoria dal Governo fascista, ma soltanto per i lavoratori del settore industriale. Successivamente, nel 1960, questa mensilità aggiuntiva divenuta obbligatoria per tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati.  


La quattordicesima mensilità è il diritto per un lavoratore o pensionato di ricevere uno stipendio o un assegno pensione in più, oltre alla tredicesima mensilità. Questa mensilità viene generalmente erogata nel mese di Luglio. Al contrario della tredicesima, l’elargizione della quattordicesima non è obbligatoria: è prevista solo in alcuni settori, e dipende dal contratto collettivo di riferimento.

Quali sono le differenze tra la tredicesima e quattordicesima mensilità?

La principale differenza tra la tredicesima e la quattordicesima mensilità riguarda i loro beneficiari. La tredicesima mensilità è prevista per tutti i settori e per qualsiasi lavoratore, indipendentemente dalla durata del contratto. Quindi, la tredicesima spetta sia ai lavoratori a tempo determinato sia ai lavoratori a tempo indeterminato . 

All’opposto, la quattordicesima è prevista solo per i lavoratori di determinati settori. Essa infatti viene erogata solo se appositamente scritto nel contratto tra le parti. Inoltre, non ha valore legale. Generalmente, a beneficiare della quattordicesima mensilità, sono i lavoratori appartenenti ai seguenti settori: chimico, alimentare, autotrasporti e logistica, pulizie, terziario, commercio e turismo. Non beneficiano della quattordicesima mensilità, invece, gli stagisti, i collaboratori coordinati e continuativi e i lavoratori autonomi.

Riassumendo: la tredicesima è obbligatoria, la quattordicesima no. La tredicesima riguarda tutti, la quattordicesima solo determinati settori.

Chi paga la tredicesima e quattordicesima? 

Tredicesima e quattordicesima sono completamente a carico del datore di lavoro, proprio come uno stipendio normale. Questo differisce solo nel caso dei pensionati, in quel caso infatti l’erogazione avviene tramite INPS.

 Un consiglio: siate puntuali con le retribuzioni aggiuntive! In caso di mancato pagamento, i lavoratori potrebbero rivolgersi ai sindacati di riferimento, oppure inviarvi lettere di sollecito. Allo scorrere del tempo, i dipendenti avranno diritto a percepire tredicesima e quattordicesima con gli interessi maturati.

Cos’è il rateo di tredicesima e quattordicesima?

Tredicesima e quattordicesima sono dette mensilità differite, perché maturano nel periodo in cui il lavoratore effettua la propria prestazione; l’erogazione avverrà in un secondo momento, non in modo dilazionato.

La tredicesima matura nei 12 mesi precedenti all’erogazione, ed è equamente suddivisa fra i 12 mesi. La tredicesima piena andrà distribuita solo se il dipendente ha lavorato tutti i 12 mesi precedenti all’erogazione, altrimenti guadagnerà in rapporto a quanti mesi abbiamo lavorato nei 12 mesi precedenti.

Un rateo è il corrispettivo in denaro di un mese di lavoro che viene accumulato fino a un massimo di 12.

Esempio: sono stato assunto l’1 settembre con una paga di 1800 euro al mese. La tredicesima piena corrisponde a 1800 euro ma poiché ho lavorato solo 4 mesi dei 12 mesi precedenti, guadagnerò: 

4 mesi / 12 mesi x 1800 euro = 600 euro.

Vediamo un esempio inerente alla quattordicesima: il nostro dipendente guadagna 2200 euro al mese, e i mesi compresi tra il 1 luglio 2019 e il 30 giugno 2020 in cui ha effettivamente lavorato sono 7. A quanto ammonterà la sua quattordicesima?

2200 X 7 = 15400 euro

15400 / 12 = 1283 euro 

Abbiamo paragonato il mondo delle buste paga a una jungla, e in effetti lo è: ogni situazione è diversa, e a volte sembra mancare la bussola. Ecco perché ti consigliamo di fare una chiacchierata con noi: Jobtech è un’agenzia del lavoro, e ha a cuore le esigenze dei datori e dei dipendenti.

Se vuoi conoscere i vantaggi della somministrazione, o discutere con noi del trattamento che puoi riservare ai tuoi dipendenti in materia di mensilità aggiuntive, contattaci!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!