Creare un profilo LinkedIn per l’azienda: è facilissimo!

Creare un profilo LinkedIn per la tua azienda: è semplicissimo!

Se sei capitato su questo articolo, è perché ti stai addentrando nel mondo di LinkedIn per le aziende. E allora vorremmo chiederti: cosa hai fatto fino ad ora? Creare un profilo LinkedIn per l’azienda è indispensabile, ti aiuta a creare un network targettizzato ed è uno strumento di brand awareness eccezionale.

Nessun problema, ci pensiamo noi. Ecco tutto ciò che devi sapere sulla pagina aziendale LinkedIn, e non dimenticare di seguire Jobtech su LinkedIn non appena vi sbarcherai!

Creare il profilo dell’azienda su LinkedIn

La parte di creazione del profilo è molto semplice, l’unica cosa che ti occorre è una mail aziendale con il dominio dell’azienda che vuoi far comparire su LinkedIn: è una precauzione necessaria per garantire la correttezza delle aziende che trovi sulla piattaforma. 

Una volta che ottenuto l’autorizzazione da LinkedIn, sappi che il divertimento è appena iniziato! Appena al di sotto del nome, potrai far comparire il motto, e abbi cura di selezionare l’area in cui la tua azienda si trova a operare. 

Una breve descrizione è fondamentale: i servizi che offri, i valori che l’azienda propone, una breve storia della vostra fondazione può arricchire il profilo aziendale LinkedIn! Una volta che l’azienda è online, comunica a chi lavora con te di segnalarlo sul proprio profilo!

È importante che tutti i membri dell’azienda siano presenti su LinkedIn: sarà più facile, per chi è interessato a candidarsi, o a collaborare, capire a chi rivolgersi, o per i più giovani trovare ispirazione sulla carriera da intraprendere.

Gli esempi in questo senso sono moltissimi, ma è sempre più frequente che gli studenti universitari contattino chi si occupa di una specifica funzione in un’azienda di loro interesse per porre qualche domanda o chiedere un consiglio sul futuro.

Esempi di contenuti per la tua pagina

Il profilo è creato, i dipendenti sono stati aggiunti. E adesso? È giunto il momento di guadagnare qualche follower, postando contenuti interessanti e che aumentino la visibilità dell’impresa. Le tipologie di contenuti che puoi portare sono molte, vediamone alcune. 

  • Articoli: che provengano dal blog dell’azienda, o da piattaforme esterne, allega un copy accattivante e avrai un contenuto perfetto! Ovviamente, scegli argomenti coerenti con il settore merceologico di cui l’azienda si occupa. 
  • Infografiche: se le informazioni presenti sono accurate, e portano un valore aggiunto all’argomento, le infografiche sono un’ottima idea! Cura il design, riprendi i colori del logo, e il gioco è fatto. 
  • Personal branding: crea dei post sui tuoi dipendenti, partendo dai livelli più alti dell’organigramma ma abbracciando tutta la popolazione aziendale. Racconta le loro storie, cosa hanno studiato e includi un motto o una frase che dicono spesso.
  • Prodotti, nuove sedi, partnership Se raccontati con il giusto storytelling, sono argomenti perfetti per la tua pagina linkedIn aziendale! L’obiettivo non deve essere sempre di vendere qualcosa, ma rendere la tua azienda attraente per chi ti segue.

Dashboard di analisi

Questa funzione è utilissima, perché fornisce informazioni su chi visita e interagisce con la pagina. La dashboard di analisi si compone di quattro sezioni: visitatori, aggiornamenti, follower e employee advocacy. 

Visitatori: puoi rimanere aggiornato sui visitatori della tua pagina in un segmento temporale specifico, così da poter capire se un particolare post ha attirato l’attenzione; puoi visualizzarli per posizione lavorativa, località, anzianità, settore e dimensione dell’azienda.

Gli aggiornamenti riguardano le visualizzazioni rapportate ai giorni, e puoi dividere le ricerche organiche da quelle sponsorizzate, per stabilire le best practice che adottato nella tua strategia di crescita su LinkedIn.

Per i follower vale lo stesso discorso dei visitatori, perché le metriche coincidono! Ma non dimenticare di visionare le aziende che LinkedIn segnala come “da monitorare”: forse non sono i tuoi competitor diretti, ma vale la pena visionarle!

Employee advocacy: fai intervenire direttamente i tuoi dipendenti nella diffusione dei contenuti legati all’azienda, condividendoli nei profili social personali. L’obiettivo è favorire il passaparola positivo e rafforzare il marchio!

Infine, ricorda che se usi LinkedIn per aziende devi creare un community, fare informazione, employer branding e valorizzare l’immagine del brand: bene le call to action, ma il tuo obiettivo non deve essere sempre e solo vendere o rimandare al tuo sito. 


Speriamo che questi suggerimenti siano stati utili: LinkedIn è uno strumento meraviglioso, e Jobtech – digital per nascita e vocazione – crede moltissimo nell’utilizzo virtuoso dei social. Se vuoi fare avviare una conversazione con noi sul digital, sentiti libero di contattarci!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!