Cos’è Garanzia Giovani: come assumere e chi paga

Garanzia Giovani

Il 2020 è stato un anno unico nel suo genere da cui tutti dobbiamo pensare di ripartire più forti di prima, ma i problemi del mercato del lavoro non spariranno nell’immediato. L’impatto è forte e incide negativamente sulla produttività aziendale e sulla motivazione del personale. Inoltre, le aziende lamentano sempre più delle lacune nelle competenze dei potenziali assunti.

Le previsioni per le imprese non sono perciò positive. Cosa c’entra con tutto ciò Garanzia Giovani? Davanti ad uno scenario così preoccupante, puoi respirare: le risposte ci sono e si presentano efficaci. Noi ti proponiamo una di queste: il programma Garanzia Giovani. Ti spieghiamo di cosa si tratta e come possa influenzare la tua attività di recruiting.

Cos’è Garanzia Giovani?

Garanzia Giovani è un importante Piano Europeo lanciato 6 anni fa. È finalizzato a ridurre la disoccupazione giovanile, in particolare per i giovani tra i 16 e 29 anni residenti in Italia che non studiano o lavorano.

Il fondo viene preso in carico dalle Regioni, che poi lo distribuiscono alle aziende. 

Il piano si presenta quindi come un’opportunità per le imprese, in quanto offre l’occasione di ridurre i costi del lavoro e al contempo aumenta l’occupazione giovanile. Da quando è stato posto in essere, più di 1,6 milioni di giovani si sono registrati al portale.

Come assumere con Garanzia Giovani?

Possono richiedere l’incentivo di garanzia giovani tutti i datori di lavoro privati, anche non imprenditori. 

Se fossi interessato ad usufruire del programma per iniziare nella tua azienda uno stage o un contratto di lavoro, è necessario aderire al programma Garanzia Giovani.

Una volta iscritti al programma, l’INPS prenderà in carico la tua richiesta e, una volta effettuate le dovute verifiche, ti comunica l’avvenuta prenotazione dell’importo dell’incentivo a tuo favore. Da quel momento, si hanno 10 giorni per comunicare l’avvenuta assunzione, a seguito della quale l’INPS può autorizzare la fruizione dell’incentivo. 

Sul sito delle regioni, in quanto moderatori dei bonus sul proprio territorio, potrai trovare maggiori informazioni, perciò, ti consigliamo di andare direttamente sul sito della tua Regione di appartenenza per approfondire. 

Quanto pagano le aziende per Garanzia Giovani?

L’iniziativa Garanzia Giovani è di assoluto valore, ma le aziende come te, dalla loro prospettiva, si domandano lecitamente quali siano i vantaggi e i costi del servizio. Rispondiamo in maniera semplice. 

Per tirocinio, è previsto un minimo di 300 euro per il tirocinante iscritto a Garanzia Giovani. Tale bonus è ovviamente variabile in funzione della specifica Regione ed è erogato dalla stessa direttamente allo/a stagista o rimborsato all’azienda. 

Per l’apprendistato, la Regione pubblica degli avvisi a cui l’azienda, presente sul territorio, può accedere. I bonus sono per l’incentivo all’attivazione di un contratto e variano tra i 2.000/3.000 euro (per Apprendistato di I°Livello) e i 6.000 euro (per Apprendistato di III°Livello).

Infine, per le assunzioni di giovani, ricevi i bonus direttamente dall’INPS e variano in funzione dell’inquadramento della risorsa (dai 1.500 euro ai 6.000 euro circa). 

Siamo convinti di aver risposto alle domande più frequenti, ma qualora così non fosse contattaci senza alcun impegno e saremo felici di aiutarti!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!